A parte la fonte documentaria che risale al 1012 e contiene la prima citazione ufficiale del toponimo -si tratta dell'atto di donazione della chiesa di S. Marco al monastero di Santo Stefano da parte del conte Trasmondo II di Chieti-, la documentazione successiva superstite non consente una ricostruzione attendibile delle vicende del borgo. È dimostrata l'appartenenza del feudo a Giacomo Caldora, conte di Monteodorisio, che ne venne in possesso nella prima metà del XV secolo; a costui subentrarono i D'Avalos, marchesi di Vasto, fino all'eversione dei diritti feudali. Spiccano nel tessuto urbano del centro storico l'imponente parrocchiale e palazzo Lizzi. La comunità, che all'indomani dell'unità d'Italia contava 2.237 anime, si è ridotta drasticamente negli ultimi decenni.

Guilmi è un comune in provincia di Chieti, il paese è posto nella Valle del fiume Sinello, l'economia è legata soprattutto all'agricoltura ed all'allevamento: molto nota è la produzione di salumi insaccati e della gustosa ventricina.

Le sue origini risalgono all'XI secolo quando il paese era sotto il dominio di Monastero di S. Stefano da Trasmondo, è situata a metà strada tra il mare Adriatico e i monti della Majella. E' molto piacevole e suggestivo passeggiare per il suo centro storico, un borgo medievale fortificato con stradine lastricate, vicoli e scalinate molto suggestivo, il territorio circostante è caratterizzato da boschi, e querce ultra secolari ideale per fare delle passeggiate a contatto con la natura e con l'aria pulita e fresca.

 Guilmi è la meta ideale per gli amanti della buona cucina e del divertimento ci sono diversi eventi e feste che animano il piccolo borgo soprattutto durante la stagione estiva, prima fra tutte la sagra della Ventricina celebrata il 14 AGOSTO di ogni anno. 

 


Attachments:
FileDimensione FileData Caricamento
Download this file (STORIA DI GUILMI.pdf)STORIA DI GUILMI.pdf128 kB10-01-2020 11:50
torna all'inizio del contenuto